ricetta di padre zago come assumerla

Ricetta Aloe di Padre Zago: ingredienti, preparazione, dose giornaliera e come assumerla

In questo articolo vogliamo spiegarti come preparare la ricetta dell’ Aloe di Padre Zago, La dose giornaliera da assumere e le modalità di assunzione.

Conoscere al meglio la ricetta del frate, a base di Aloe Arborescens, è molto utile per ottenere risultati nel tempo.

 

Come nasce la ricetta?

La ricetta di cui andremo a parlare nacque nelle Favelas del Brasile, dove la gente non poteva permettersi i costosi farmaci per la cura del Cancro, o di altre patologie.

Questa semplice ricetta si è tramandata di generazione e in generazione tra i poveri delle Favelas e in seguito, tramite passa parola, ebbe la fortuna di venirne a conoscenza anche Padre Zago.

Negli anni a venire il frate brasiliano poté testarne l’efficacia diverse volte sia su malati di Cancro, che su molte altre malattie comuni nell’uomo.

Quando fu sicuro delle magnifiche proprietà di questo frullato, decise di divulgare la sua scoperta a tutto il Mondo, spiegandola nel suo famoso libro ” Di Cancro si può Guarire“.

 

Gli ingredienti della ricetta di Padre Zago

Il particolare successo della formula è dovuto ai suoi tre ingredienti fondamentali: 350 g di foglie di Aloe Arborescens: pari a 3-10 foglie a seconda della lunghezza;

  • 500 g (mezzo chilo) di Miele naturale di qualità, meglio se biologico ;
  • 30 ml (circa una tazzina di caffé) di Grappa (va bene anche il Whisky, Tequila e il Cognac).

Se preferisci puoi scegliere di diminuire le quantità dei tre ingredienti, con l’indubbio vantaggio di ottenere ogni volta un preparato più fresco e più efficiente.

Non dovrai fare altro che ridurre in proporzione tutti gli ingredienti.

La cosa più semplice è dimezzare la quantità di tutti gli ingredienti, in questo modo:

  • 175 g di foglie di Aloe Arborescens;
  • 250 g di miele biologico;
  • 15 ml di grappa.

Acquista ora il nostro preparato che segue la Ricetta di Padre zago

Come preparare la ricetta di Padre Zago

L’ideale è una pianta con foglie di 40 cm di lunghezza o più (5 anni o più).
Scegliere con cura le foglie, evitando quelle ingiallite perché tendenzialmente troppo vecchie e pulirle dalla polvere.

Una volta scelte e raccolte è importante agire il più velocemente possibile, perché col tempo le foglie di aloe, come quelle di tutte le piante officinali, tendono a perdere le loro proprietà.

A questo punto vanno inseriti tutti e tre gli ingredienti nel frullatore.

Quando si è ottenuta una crema verde semi-liquida, la si mette in un barattolo opaco in cui non possa entrare la luce e si mette nel frigorifero (non in freezer).
Le dosi, come il numero delle foglie, sono indicative. Il preparato va assunto preferibilmente a stomaco vuoto per migliorare al massimo l’assorbimento dei principi attivi.

Acquista ora una pianta di Aloe Arborescens coltivata biologicamente

Dose giornaliera: posologia della Ricetta di Padre zago

Nel libro di Padre Zago, È consigliato assumere un cucchiaio da minestre a digiuno, almeno 30 minuti prima dei tre pasti (colazione, pranzo e cena) e non bere acqua o altri liquidi per i 30 minuti successivi, in modo che l’Aloe Arborescens e le altre sostanze facciano effetto.

Quindi il preparato, in tutto, va assunto per 3 volte al giorno, tutti i giorni, finchè il barattolo non finisce.

Una volta terminato il ciclo si può fare una pausa della durata di 7-10 giorni e ricominciare con un secondo barattolo.

Tuttavia la pausa non è assolutamente fondamentale, la scelta è completamente libera e soggettiva.

 

Se vuoi provare questa magnifica ricetta, scopri questo e tutti i nostri prodotti a base di Aloe Arborescens qui